TBT Easy – Il trail

Breve descrizione del percorso:

  • Partenza dal Rione di San Giacomo, inizio pista ciclabile Giordano Cottur
  • Passaggio per Draga Sant’Elia (locanda Mario famosa per le sue paste creme ove trovate il libro del trail che vi preghiamo di compilare con cura per documentare la vostra presenza sul sentiero).
  • Si risale prima su asfalto poi su sterrato verso Basovizza-Lipica
  • Sempre su sterrato si arriva al paese di Orlek
  • Si procede verso Ferneti e con una lunga serie di semplici sterrati solo in brevi tratti leggermente impegnativi si raggiunge Santa Croce e sempre lungo semplici sterrati iniziamo il rientro.
  • Breve sosta per ammirare il paesaggio del golfo di Trieste e poi via sempre per sentieri e semplici sterrati verso Opicina, proseguendo poi lungo il ciglio del Carso rientreremo nuovamente verso Basovizza, per l’unica vetta del tour… il monte Stena. Da qui solo discesa, Draga Sant’Elia e nuovamente lungo la ciclabile per rientrare al punto di partenza.

Vi preghiamo di rispettare sempre la natura, i sentieri e gli altri escursionisti che incontrerete lungo il trail !!
Vi ricordiamo che state percorrendo il trail esclusivamente a vostro rischio e pericolo e sotto la vostra totale responsabilità personale !!

Planimetria del percorso:
TBT Easy mappa

Profilo altimetrico del percorso:TBT Easy profilo altimetrico

Se arrivate a Trieste con l’automobile potete parcheggiare nell’ampio parcheggio gratuito (non custodito) che si trova in Piazzale delle Puglie, da cui potete facilmente raggiungere l’inizio dell’itinerario ciclabile. Anche alla partenza vera propria della ciclabile è presente un piccolo parcheggio (non custodito) ma spesso e tutto occupato e in certi periodi dell’anno è a pagamento.

Parcheggio

Il percorso in dettaglio:
(tra parentesi le distanze approssimative dalla partenza)

La partenza avviene all’inizio della pista ciclabile intitolata a Giordano Cottur nel rione di San Giacomo, dapprima su asfalto e poi su sterrato. Nonostante la pendenza modesta (segue il tracciato di una ex ferrovia) sale lentamente di quota: vista la lunghezza del percorso che ci attende conviene percorrerla lentamente gustandosi il paesaggio e la vista di Trieste e della Val Rosandra (foto galleria).

Dopo una decina abbondante di chilometri passiamo per l’abitato di Draga Sant’Elia (fontanella). Qui si trova la locanda Mario, famosa per le sue “paste creme”, ove trovate il libro del trail che vi preghiamo di compilare con cura per documentare la vostra presenza sul sentiero.
Continuiamo a salire lungo la strada asfaltata in direzione Basovizza che a un certo punto abbandoneremo per un tratto di sterrato che ci porta alle pendici del Monte Kokos e sempre su sterrato dirigeremo verso il confine di Lipica (km 15).
Brevissimo tratto asfaltato e entriamo in Slovenia su sterrato su una nuova rete di strade a fondo naturale appena sistemate (km 21, foto riparo dei pastori). Proseguiamo sempre su sterrati fino all’abitato di Orlek che attraversiamo prendendo il tratto di ciclabile che prosegue in direzione Trebiciano che abbandoniamo all’altezza di un aerea pic-nic nei pressi della Grotta di Trebiciano (km 25).
Proseguiamo verso Fernetti (attenzione all’attraversamento della strada statale molto trafficata) e attraversiamo due cancelli di un recinto per animali (da lasciare come vengono trovati) (km28). Attenzione tra i due cancelli breve tratto in discesa leggermente impegnativo in quanto sconnesso.
Da qui sempre su sterrati proseguiamo fino alla foto del ponte sulla ferrovia (km 31).

Proseguiamo raggiungendo un breve tratto asfaltato e poi una serie di carrarecce (e un breve tratto su sentiero) ci porterà a raggiungere la stazione di Prosecco (km 34). Breve tratto asfaltato e svolta a destra su sterrato che ci conduce nei pressi di Gabrovizza, breve tratto asfaltato per il centro del paese (km 38) e nuovamente per sterrati a tratti leggermente impegnativi e sconnessi che ci conducono al paese di Santa Croce (km 41). Tratto in asfalto nel paese e proseguiamo su sterrato iniziando il rientro verso Prosecco (breve tratto su sentiero tra gli alberi molto piacevole).
Foto grotta Priamo.

Raggiunto il paese procediamo nuovamente su asfalto sino a un bivio dove prendiamo a sinistra su sterrato, attraversiamo un parcheggio asfaltato e proseguiamo sempre su asfalto in leggera salita transitando vicino al santuario di Montegrisa, al termine della salita deviamo a sinistra su sterrato (km 48) che ci condurrà verso Opicina.
Breve salita asfaltata verso il campeggio Obelisco e nuovamente su sterrato con saliscendi molto panoramico che ci conduce dopo vari attraversamenti di strade asfaltate e un sottopasso (km 57) alla vetta del monte Stena (km 64) (tratto leggermente impegnativo a causa di alcuni tratti parecchio sassosi). Foto monte Stena.

Rientriamo per un pezzo del tragitto già compiuto e dopo un breve tratto di asfalto in discesa e un breve sentiero leggermente più impegnativo in discesa raggiungiamo nuovamente la ciclabile Giordano Cottur e Draga Sant’Elia (km 67). Presso locanda Mario vi preghiamo di compilare il libro del trail se non lo avete già fatto all’andata.
Infine seguiremo nuovamente la ciclabile, questa volta in discesa, che ci riporterà fino al punto di partenza nel Rione di San Giacomo (km 77).